Look-Down: Una generazione che non alza la Testa.

10/10/2018
Una breve riflessione sull'uso sfrenato dei nostri Smartphone, non solo le nostre relazioni ma anche la nostra sicurezza è a rischio e non ce ne accorgiamo...
Mintua - Look-Down: Una generazione che non alza la Testa.

 

Una delle nuove dipendenze che preoccupa i sociologi è l'utilizzo sfrenato di smartphone.

Pensate infatti a quello che accade in una sala d'aspetto o in metro: dopo qualche secondo di attesa cercheremo il nostro smartphone per lavoro, forse, o nella maggior parte dei casi per navigare sui nostri social.

Se al contrario provassimo ad interloquire con il vicino, o chi ci sta seduto di fronte, il quale a sua volta ha il suo prezioso smartphone in mano, risulteremmo quasi scoccianti, anche solo incrociare lo sguardo, oggi, è recepito come un'invasione del proprio spazio.

Paradossalmente se non vi isolate sui vostri social e al contrario vivete il momento, il luogo e le persone che vi circondano è probabile che non siate visti di buon occhio, o peggio vi guardino in "cagnesco".

Per questo motivo siamo stati soprannominati la generazione "look-down" che letteralmente si traduce "guarda in basso".

Questa tendenza si sta diffondendo talmente velocemente da dover rivedere le nostre abitudini, e di conseguenza siamo chiamati a trasformare il mondo che ci circonda in funzione del nuovo orizzonte visivo.

Le prime ad accorgesene sono le aziende che hanno iniziato a farsi pubblicità, ovviamente dentro i nostri telefoni, ma anche per terra, non più su grattacieli o quant'altro.

Qualcuno di voi forse ricorderà gli arerei con striscioni pubblicitari che passavano d'estate lungo gli stabilimenti balneari, non è un caso che siano quasi spariti...

Fonte: lastampa.it

 

Ma ad essere in pericolo è anche la nostra sicurezza...

Dal 2003 al 2013 ben 85.525 pedoni hanno perso la vita mentre erano al telefono, con un aumento progressivo da quando il telefono è diventato smartphone e cioè uno strumento per la navigazione sui nostri social.

Per questo, prima in Germania poi in Olanda hanno ben pensato di spostare la luce dei semafori per l'attraversamento pedonale a terra.

Il semaforo a terra funziona in modo identico ai semofori tradizionali con luci di colore verde oppure rosso disposte davanti al marciapiede. La speranza è quella di dare uno stimolo visivo in più ai pedoni distratti a chattare, telefonare o altro ancora. 


Fonte: YouTube/Augsburger Allgemeine

 

Ci auguriamo che questa tendenza non sia irreversibile, la tecnologia e l'innovazione dovrebbero essere al servizio dell'uomo, assistiamo invece ad un fenomeno inverso, stiamo diventando schiavi della nostra tecnologia...

 

News correlate