La plastica biodegradabile al 100% è tutta italiana!

29/10/2018
Cibandosi di carbonio, i batteri producono una riserva di energia chiamata poliestere lineare, come la plastica fatta dal petrolio ma, essendo sintetizzata da un essere vivente, è totalmente Biodegradabile ed è fonte di cibo per altri batteri.
Mintua - La plastica biodegradabile al 100% è tutta italiana!

Dall’olio di frittura usato, nasce la bio plastica.

Il  presidente della Bio-On, Marco Astorri racconta che solo in Asia e USA, ogni giorno, vengono prodotti 1 miliardo di litri di olio fritto.

La Bio-On, società tutta italiana, ha trovato il modo di trasformarli in polimeri di Bio Plastica, un prodotto assolutamente efficiente, come quello derivante dal petrolio, solo che questa volta la materia prima è la rimanenza dello zucchero della barbabietola, canna da zucchero, glicerolo (scarto della produzione del bio diesel), patate, frutta e verdura.

Scarti e sottoprodotti, che non sono più commestibili e quindi non più compresi nella catena alimentare ma che sono comunque una ricca fonte di carbonio che altrimenti andrebbe smaltita e rimanendo inutilizzata.

La Bio-On ha scoperto che la plastica, come la conosciamo oggi, esiste in realtà da milioni di anni ed è tutta naturale poiché fatta da batteri non patogeni. La scoperta ha 100 anni ed è attribuita ad uno scienziato francese.

Questi batteri mangiando del carbonio, nell’arco di 40 ore, riescono a produrre al loro interno una riserva di energia (come per noi il grasso) chiamata poliestere lineare, come la plastica fatta dal petrolio ma, essendo sintetizzata da un essere vivente, presente sul pianeta da milioni di anni...

...è totalmente Biodegradabile ed è fonte di cibo per altri batteri.

Purtroppo dagli anni ’50 la plastica, è stata prodotta con la materia prima sbagliata... il petrolio, e questa come sappiamo è difficilmente riciclabile.

La Bio-On cosa fa? Recupera quei miliardi di litri d’olio fritto e lo fa mangiare a questi batteri non patogeni che in appena 40 ore creano la loro riserva di energia interna. La Bio-On non deve far altro che estrarre questa pallina di plastica, senza l’aiuto di solventi o chimica, come fosse un birrificio evoluto, e destinarla alla produzione di cruscotti per auto, bicchieri, shoppers, bio medical, scrubs per creme cosmetiche (microplastiche).

Con questa invenzione incredibile, grazie alla Bio-On, potremo risolvere il problema della plastica...

...dobbiamo solo rimanere concentrati così da eliminare quella attualmente dispersa nel nostro pianeta.

News correlate