I robot sostituiranno gli uomini anche a letto

23/02/2019
Il prossimo passo sarebbe quello di renderli talmente realistici da poterci tranquillamente uscire insieme, fare passeggiate e tanto altro…
Mintua - I robot sostituiranno gli uomini anche a letto

Uomini robot come amanti a letto. 

Gli uomini avranno un nuovo rivale in amore, l’innovazione e la tecnologia hanno infatti permesso di sviluppare una nuova tipologia di robot che potrebbe sostituirli sotto le lenzuola. 

Società specializzate nella realizzazione di “bambole del piacere”, come Real Doll, finora ideate solo per il godimento del genere maschile, hanno iniziato a sviluppare prototipi pensati per le donne.

Una bambola del piacere realizzata dalla Real Doll

Questi robot sono dotati di batterie a lunga durata e sono molto più complessi di quelli femminili, infatti la realizzazione è stata anche più difficoltosa. 

I “macho man” elettronici sono dotati di un sistema capace di capire le esigenze femminili ed adeguarsi al ritmo richiesto dalla donna, conoscono inoltre alcuni trucchetti che potranno rendere l’esperienza il più realistica possibile, sono disponibili in molti modelli a seconda dei gusti. 

Questa tipologia di robot sarà dotata anche di una “memoria” di base, ovvero dei ricordi d’infanzia e una propria storia di vita, rendendo dunque possibile anche la socializzazione e la comunicazione tra i partner.

Il prossimo passo sarebbe quello di renderli talmente realistici da poterci tranquillamente uscire insieme, fare passeggiate e tanto altro… 

...proprio come un vero essere umano. 

Si potrebbe dire che questa sia l’evoluzione dei sex toys al femminile, le previsioni aziendali parlano di un grande interesse su questo prodotto che potrebbe condurre a dei prezzi esorbitanti per il fidanzato perfetto. 

Le stime hanno ipotizzato una diffusione tale entro il 2030 da ritenere il possesso di robot sessuali addirittura normale, ed entro il 2050 la produzione potrebbe raggiungere un livello tale da abbassarne il prezzo di vendita fino a renderlo un gadget acquistabile anche dai meno abbienti. 

La notizia ha sollevato molte polemiche, i produttori parlano di “massima esperienza di piacere”, ma la maggioranza delle persone è rimasta sconvolta da questo ipotetico futuro che ci prevede ancora più isolati e sempre meno umani. 

E voi, pensate che questa sia la giusta strada che l’innovazione debba seguire oppure che bisogna sapersi fermare?

 

News correlate