Formula E 2018

28/04/2018
Il campionato di Formula E in realtà nasce nel 2014 con l'EPrix di Pechino.
Mintua - Formula E 2018

Recentemente, in occasione della gara disputata a Roma, abbiamo parlato di Formula E. L'argomento ci ha incuriosito, infatti, già è raro vedere girare auto da corsa tra i monumenti della capitale, figuriamoci se questi bolidi sono elettrici.

Il campionato di Formula E in realtà nasce nel 2014 con l'EPrix di Pechino.
La competizione nel 2014 vedeva solo un costruttore ufficiale dotare i piloti di macchine elettriche, negli anni successi poi i costruttori iniziarono a diventare numerosi.

Ciò che però rende questo campionato unico al mondo non è di certo solo la velocità, ma varie componenti che fanno sì che milioni di spettatori prendano parte ad ogni singolo evento.

In primis dobbiamo soffermarci sull'innovazione che queste vetture hanno, la potenza dei motori elettrici infatti non si discosta molto dai comuni motori a scoppio utilizzati nelle gare agonistiche. Basti pensare all'accelerazione capace di portare una di queste macchine da 0-100 km/h in soli 3 secondi.

E' proprio grazie a questi motori che vediamo sfecciare questi bolidi silenziosamente, emettendo un flebile sibilio tollerabile dai nostri timpani e che non ci costringe quindi a proteggerli con le mani al loro passaggio.

Altro elemento non trascurabile è proprio il circuito. Gli EPrix di Formula E sono infatti disputati tra le strade delle più grandi città del mondo.
Questo non può far altro che accrescere l'interesse intorno alla gara stessa ma anche al tipo di energia rinnovabile utilizzata durante l'evento.

Ma a che velocità arrivano queste vetture?

Da quanto sappiamo riescono a raggiungere una velocità massima di 225km/h.
Ogni vettura di Formula E ha una batteria a ioni di litio da 200 KW posizionata nella parte posteriore. In pratica, l’equivalente in termine di energia di 300 batterie per notebook, oppure di 4mila batterie per smartphone. Il generatore alimenta un motore che è in grado di sviluppare 245 CV in gara e 272 CV in qualifica, arrivando anche a 20mila giri.

Quanta autonomia hanno queste batterie? La durata non è molto elevata, infatti le vetture dovranno effettuare un pit-stop ogni 20 minuti.

Il futuro delle auto sarà l’elettrico, ora anche nel Motorsport.

Qui puoi trovare il calendario con le future gare della Formula E:

  • 14 Luglio 2018: New York City, USA
  • 15 Luglio 2018: New York City, USA